Posted on

Per quale motivo devo acquistare qualcosa basandomi solo sul prezzo?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ho ricevuto l’ennesima e-mail pubblicitaria da parte di un’azienda del settore cancelleria, contenente un modo di fare identico a quello di un sacco di attività commerciali.

Anche se è un’e-mail, è paragonabile al contatto cliente-commesso ( o venditore ) che avviene in un qualsiasi negozio, è la stessa cosa e funziona allo stesso modo.

Più o meno la mail ricevuta contiene:

  1. un accenno di presentazione
  2. il motivo ( sostituirsi al mio fornitore )
  3. farmi sapere il prezzo di un prodotto generico

Il 3° punto

Sorvoliamo i primi 2 punti perchè voglio concentrarmi sul 3°, che è quello che più mi infastidisce e che si ripete quasi sempre nei negozi, lo vedo ogni giorno sui social, sui volantini.

Nel 3° della mail riguarda ” l’offerta del mese “: carta per stampante ” pincopallino ” ( il nome è inventato ma tanto quello reale è più sconosciuto ancora di questo ) a € …..

Noti nulla di strano? Sicuramente no perchè sei abituato a leggere o ricevere proposte del genere e quindi oramai rappresentano la normalità. Quante volte sei entrato in una cartoleria e l’unica cosa che ti è stata detta è il prezzo? E quante volte l’unica cosa che volevi sapere è stata il prezzo?

La risposta è ” sempre “, ma stai tranquillo perchè io lo so che non è colpa tua, ricordati che mi occupo di cancelleria da 20 anni e so come funziona. E la verità è che tutti i negozianti ti hanno sempre fatto credere che l’unica differenza, per la carta, fosse il prezzo e tu ti sei sempre fidato pensando ” se ci fosse altro sicuramente me lo avrebbero detto “.

L’unica cosa che i venditori sanno dirti quando ti serve della carta, e non mi stancherò mai di dirlo, è:

” questa è carta per stampante e costa poco “.

Punto.

 

Perchè?

In questo modo di fare non esiste il motivo per il quale io dovrei acquistarla, a parte il prezzo basso che non significa nulla

  • perchè quel modello?
  • che carta è?
  • è bianca abbastanza?
  • va bene per la stampa a colori?
  • Quanto pesa il foglio?
  • Può farmi raggiungere il risultato che cerco?
  • Va bene per un sacco di stampe?
  • Va bene per stampare fronte/retro?
  • rispetta l’ambiente?
  • a chi è adatta?

Tutte domande essenziali quando si compra della carta e ogni modello diverso risponde a queste domande, perchè la carta è tutta diversa e nessun tipo va bene per fare tutto. E’ impossibile.

Non pensare neanche che sia innocua la carta, perchè comprarla a caso basandoti solo sul prezzo ( soprattutto se molto basso ) può farti danni che nemmeno immagini, tra cui:

  • inceppamento molto frequente negli ingranaggi
  • consumo eccessivo di inchiostro
  • stampe pessime ( con conseguente figuraccia se le fai per lavoro o per studio )
  • manutenzione della stampante più frequente
  • nei casi estremi, rottura della stampante

Ricapitolando allora, perchè dovrei comprare la carta ” pincopallino ” ? Perchè secondo l’e-mail dovrei esserne interessato?

Ai miei clienti non propongo mai carta generica, soprattutto che non conosco o che non l’abbia provata prima io. E soprattutto non sopporto di proporre carta che non sia specifica per l’esigenza del cliente e non risponda alle domande scritte sopra.

La prima cosa che chiedo è: ” cosa deve stampare? “. E poi altre cose per capire bene il risultato che vuole ottenere  riuscendo così a consigliare sempre la carta esatta.

Con la carta non si scherza.

 

Anche il tuo attuale fornitore di carta non ti fa sapere cosa stai comprando? Vuoi anche tu l carta precisa per te senza incorrere in problemi? Per chiederci informazioni senza impegno, o sapere dove ci troviamo ==> clicca qui.

Forse ti piacerebbe sapere cosa pensano di noi i nostri clienti ==> clicca per leggere le recensioni

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Posted on

E se sbaglio a comprare?

 

Una delle paure che i miei clienti hanno è quella di fare un acquisto sbagliato e quindi buttare soldi e ciò che hanno comprato.

Questa paura nasce ( come mi hanno raccontato e ho anche verificato ) che molti negozi NON accettano merce indietro oppure fanno molte storie, oppure impongono regole ferree come ” si cambia solo in un certo giorno ” oppure ” entro un giorno fino a una certa ora “.

In realtà è una forma di autotutela che hanno le attività commerciali per difendersi da chi se ne approfitta sistematicamente, ma di certo non è una bella cosa e ci fa fare ogni acquisto con ” i piedi di piombo “, cioè molto cauti. Vogliamo quindi essere sicuri al 200% che ciò che compriamo non sia una fregatura o ci sia completamente inutile.

Non è sempre così

Tuttavia nel nostro settore capita alcune volte di non poter essere totalmente sicuri quando si acquistano determinati accessori. Proprio questi giorni un cliente ha fatto scorta di normali registratori per fatture e quando è tornato in ufficio si è accorto che lo spazio tra un ripiano e l’altro, nello scaffale, era meno del normale. Per cui i registratori acquistati non ci entrano e difatti è tornato a sostituirli.

Da parte mia, cerco sempre di capire le necessità di ogni cliente e dargli sempre l’accessorio giusto, ma soprattutto dargli esattamente il risultato che si aspetta.

La nostra filosofia, con Gli specialisti della cartoleria, è da sempre quella del ” se ciò che ti diamo non ti soddisfa, te lo sostituiamo “. Vai sul sicuro con Gli specialisti della cartoleria: la prima cartoleria specializzata in materiale da ufficio.

Se anche tu vuoi fare acquisti di cancelleria senza avere paura, con la massima tranquillità possibile, assistito in ogni istante, allora prova il servizio de ” Gli specialisti della cartoleria “. Per contattarci senza impegno o vedere dove siamo  ==> clicca qui

Leggi anche cosa dicono di noi

Posted on

Ecco perchè i negozi ti costringono a fare i tuoi acquisti on-line, anche se non vuoi

I negozianti ce l’hanno a morte con gli e-commerce, cioè i negozi on-line su internet, perchè pensano che gli rubino i clienti. E da un certo punto di vista è così anche se la verità è un’altra e bisogna essere onesti, ammettendola, e già so che mi farò molti nemici dicendo ciò ma la realtà bisogna guardarla in faccia e affrontarla.

Da proprietario di un negozio dico che le persone hanno ragione a fare acquisti su internet e sono proprio i negozianti a obbligarle a farlo.

” sono i negozianti a obbligare le persone a fare acquisti on-line “

 

Non sono diventato matto, tranquillo, è che conosco i negozi in quanto anche io sono cliente, so come lavorano,  e bisogna dire le cose come stanno. Se le persone vanno nei centri commerciali o acquistano su internet è colpa dei negozianti e delle loro inefficienze.

Mi trovo spesso a fare acquisti nei negozi, cerco sempre di dare precedenza a loro, ai piccoli negozianti che con fatica mandano avanti le loro attività ( e so quanta fatica ci voglia e quanto impegno, ci sono dentro ) e ogni volta trovo dei ” muri ” da scavalcare che farebbero desistere chiunque.

Ho fatto un sondaggio tra i miei clienti, gli amici, i conoscenti, i parenti per sapere il motivo per il quale vanno  spesso fuori per i loro acquisti o su internet . La risposta unanime è stata: per praticità.

Quali ostacoli bisogna superare

Cioè, già faccio uno sforzo a prendere la macchina, fare 3 giri del quartiere per trovare un parcheggio ( magari pure a pagamento e devo anche cercare la colonnina per il ticket sperando non mi facciano la multa prima ), poi sono le 12,30 e trovo il negozio già chiuso che riapre alle 17,30 ( è vero eh, molti fanno questo orario ), quindi devo ritornare il pomeriggio dopo il lavoro o prendere un permesso, rifare tutto daccapo solo per vedere se trovo ciò di cui ho bisogno.

Magari riesco a entrare in negozio e trovo il commesso che sbuffa perchè sta facendo altro e deve ascoltare me ( questo atteggiamento ce l’hanno anche tutte le commesse dei supermercati ), non ha ciò che cerco e non mette un minimo di impegno per aiutarmi quindi devo arrangiarmi. Risultato: 1 giorno intero perso, soldi persi ( per i parcheggi vari/carburante/ lavoro messo da parte ).

Dopo questa impresa una persona normale va in un centro commerciale, parcheggia e va a colpo sicuro, oppure torna a casa e si mette davanti al pc. Fine della storia e cliente perso.

Questo è oggi fare un acquisto in negozio, è vero?  Anche tu hai trovato questi ostacoli? Confessa.

Aggiungici anche che spesso:

  • è impossibile pagare o comunque difficile
  • se sbagli acquisto devi supplicare la sostituzione
  • e se la ottieni te la fanno pesare facendoti pure sentire in colpa
  • in nessun modo nessuno ti viene incontro
  • ti fanno perdere tempo inutilmente e senza motivo
  • non hanno personalità e non si capisce cosa vendono.

Non sono cose mi sto inventando, sono tutti i problemi che incontro io facendo spesa nei negozi, vita vissuta quotidianamente e la stessa che vivi anche tu. Forse tu ci fai meno caso di me, probabilmente sono diventate nel tempo tutte cose normali a cui ti sei abituato in parte. Se invece ogni volta ti partono le bestemmi ( intese come parolacce ) allora anche tu le noti, come me, e ti infastidiscono.

Cosa vogliono davvero i clienti di un negozio

Il risultato di tutto ciò? Che le persone si allontanano dai negozi, si rivolgono altrove e dove sono sicure di trovare le uniche cose che contano, cioè:

  1. Risultato certo ( quello che si aspettano, cioè risolvere un problema o soddisfare una necessità nel miglior modo possibile )
  2. con minimo sforzo,
  3. con meno problemi possibili
  4. e con un servizio adeguato ( meglio se oltre le aspettative ).

Se hai un negozio e non sei in grado di ” vendere ” questi 4 concetti, le persone si allontaneranno da te. C’è poco da parlare della convenienza, della qualità, della competenza, perchè NON significano NIENTE.

Bene o male i negozi on-line o i centri commerciali ( o negozi di grande catene ) soddisfano questi 4 punti. Certo il discorso è molto più complesso e in gioco ci sono anche altri fattori come la specializzazione del negozio, l’accoglienza, l’esposizione, ma ciò che fa davvero la differenza è la somma dei 4 punti elencati sopra cioè ” l’esperienza di acquisto “, che deve essere sempre di buon livello almeno.

Nel mio negozio cerco sempre di curare questi 4 aspetti il meglio possibile e metto il massimo impegno per soddisfare al massimo i miei clienti.

La cancelleria può darti una grande mano nella  tua attività, nella tua azienda, nel tuo lavoro, anche se viene spesso sottovalutata o non considerata affatto. Soprattutto i gestori di piccoli negozi la considerano una spesa inutile, da evitare per non sprecare soldi.

La cancelleria invece è come un collaboratore, un membro del tuo team aziendale, che lavora per te e ti aiuta a:

  • organizzare il lavoro
  • a gestirlo molto più facilmente evitando errori e perdite di tempo
  • a migliorare il servizio che offri ai tuoi clienti
  • a trasmettere professionalità e affidabilità
  • a curare tutti e 4 i punti base di cui sopra.

Ovviamente devi anche sceglierla bene altrimenti l’effetto che ottieni è il contrario e per farlo devi affidarti a quacuno che conosce bene la cancelleria.

Se non sai a chi rivolgerti, visto che sono quasi tutte cartolerie scolastiche quelle che si trovano, contattami qui

Il mio negozio, in zona, è l’unico specializzato in cancelleria per l’ufficio e sicuramente troviamo insieme quello che pià fa al caso tuo, senza farti perdere tempo né soldi.

Solo cancelleria selezionata, delle migliori aziende del settore, per farti ottenere i migliori risultati.

Per vedere dove è il mio punto vendita e per contattarmi senza impegno, clicca qui.

A presto

Elio

Posted on

Come la semplice richiesta di un marcatore viene soddisfatta con una dimostrazione pratica

Giorni fa sono stato contattato da una cliente che aveva una necessità particolare. Aveva bisogno di qualche ” pennarello ” ( marcatore ) per decorare dei palloncini in lattice, e non sapeva quale modello fosse idoneo.

Normalmente qualsiasi cartoleria ti vende  sulla parola dei marcatori conosciuti come ” universali che scrivono su tutto ” senza mai farsi venire un dubbio.

Io però, che non sono molto normale, mi sono messo nei panni del cliente e mi sono chiesto se davvero alcuni tipi di marcatori fossero in grado di scrivere su palloncini e soprattutto con quale risultato? E perchè dovrei fidarmi delle parole?

Sembra sciocco ma ti assicuro che sono dubbi leciti che ogni cliente ha ed è un dovere toglierli in totale sicurezza. Questa è la mia filosofia e il mio modo di fare in azienda.

Lo so, in molti me lo dicono che sono un pignolo del cavolo ma preferisco studiare ogni cosa e parlare sempre con cognizione di causa. Voglio essere sicuro.

Non credeva ai suoi occhi

La cliente, non credeva ai suoi occhi.

Dopo avergli fornito consulenza via chat, dandogli tutte le informazioni utili per sciogliere i suoi dubbi, raccogliendo dati per indirizzarla sulla strada giusta e presentargli esattamente ciò che faceva al suo caso, ci diamo appuntamento in negozio.

Ho preso i marcatori che gli avevo consigliato in precedenza e ho tirato fuori un bel palloncino azzurro per provare uno a uno tutti  i pennarelli suggeriti e vedere immediatamente il risultato finale.

Grazie a tutto ciò, questa mia cliente:

  • non ha perso tempo girando negozi o siti web alla ricerca di notizia per capire cosa le servisse
  • non ha fatto acquisti inutili spendendo soldi senza motivo
  • ha avuto la certezza del risultato esatto che voleva

 

Tu continui a fare acquisti alla cieca e a tenerti un sacco di dubbi su ciò che compri? Vorresti acquistare la tua cancelleria in modo più semplice e rilassante oltre che sicuro?
Allora contattaci o passa a trovarci, clicca qui adesso.

Vuoi testare il nostro servizio e vedere se possiamo soddisfarti senza rimetterci soldi? Ti regalo io 5€ per fare un acquisto di prova. Per averli clicca qui.

A presto

Elio

Posted on

Se ti stai chiedendo come mai non abbiamo più molti prodotti e non offriamo più servizi come fanno tutti, leggi qui. Vuotiamo il sacco

Come ben sai, se ci segui o sei nostro cliente da più di qualche anno, noi siamo nati come una normale cartoleria, uguale a centinaia di altre cartolerie, facendo le stesse cose, vendendo di tutto e offrendo tutti i servizi esistenti.

Vendevamo anche noi borse da donna, articoli da regalo, accessori per le feste e per la casa, oltre alla cartoleria e cancelleria ( cioè penne, quaderni, colori ).

Ci occupavamo di tutto, come fanno tutti, quasi ci fosse una regola non scritta che i negozi del genere debbano rispettare.

 Cosa è cambiato e perchè adesso abbiamo un negozio tutto nuovo e strano

Nel tempo ci siamo accorti che cercare di fare tutto creava un sacco di problemi e ostacoli a noi ma soprattutto a te come cliente. Non riuscivamo a seguire bene ogni cosa peccando di superficialità e imprecisione.

Continui ritardi, prodotti comunissimi e servizi base, sbagli, promesse non mantenute, perdite di tempo da parte tua e di tutti i clienti, difficoltà nell’acquistare ciò che serviva davvero e disservizi. Tutte cose all’ordine del giorno per un negozio, al quale ormai tutti siamo abituati ma che certamente non è una cosa normale e non dovrebbe diventarlo mai.

Tutte le cartolerie si accontentano di fare le cose in modo mediocre ma offrirti un pochino di tutto. Noi no. Non volevamo dare un servizio mediocre su tutto.

E l’unico modo era quello di concentrarci su 1 cosa sola e cercare di farla bene. Quella cosa è la cartoleria e la cancelleria per ufficio.

Per questo motivo abbiamo deciso di NON occuparci più di tutto, semplicemente NON riuscivamo a starci dietro e far le cose come si deve e come meriti.

Non è un caso se adesso stiamo risolvendo un problema che abbiamo creato mesi fa a una cliente, o meglio, creato da aziende a cui eravamo affiliati e se ne sono lavate le mani. Ma noi, presi dal seguire molte cose non eravamo in grado di concentrarci sul problema e abbiamo delegato.

Adesso invece possiamo dedicare la nostra attenzione su questo e risolvere in breve.

Che risultato abbiamo ottenuto

Da ciò ne è nato un negozio tutto nuovo, un negozio strano per te che sei abituato alla classica cartoleria, un negozio specializzato in cartoleria e cancelleria, soprattutto per l’ufficio, e più efficiente.

Vogliamo crescere e fare sempre meglio, ambiziosi come i nostri clienti. Per questo ci mettiamo molto più impegno.

 

 

Posted on

Sei insegnante? Ecco come NON fare la lista del materiale scolastico

Ok non è proprio il mio campo ma visto che ho molti clienti privati che si affidano a me anche per il materiale scolastico ( che poi molta cancelleria da ufficio è la stessa che usano a scuola ), ho deciso di affrontare un problema molto diffuso: quello delle liste del materiale redatte dalle insegnanti.

Se anche tu sei insegnante leggi questo articolo perchè sicuramente fai questo errore, e non c’è bisogno di offendersi per ciò che leggerai ma anzi fanne tesoro per migliorare e facilitare il tuo lavoro quotidiano, già di per sé molto impegnativo. E anche per rendere le cose più facili ai ragazzi e ai loro genitori.

Ok, arrivo al punto cruciale.

Come ogni anno, a settembre, gli insegnanti rilasciano una lista con tutto il materiale occorrente per affrontare l’anno che ogni studente deve avere. In genere gli insegnanti sono molto esigenti ed esigono ciò che chiedono ( i genitori lo sanno bene ). Fin qui tutto normale, vogliono un certo accessorio e basta prenderlo.

Il problema è solo uno: gli insegnanti NON dicono quello che vogliono.

Nella loro testa sanno ciò che desiderano e che devono utilizzare nelle loro lezioni ma non riescono a fare uscire quei concetti da lì, rimangono molto sul generico per poi arrabbiarsi e minacciando note quando i ragazzi portano tutti cose diverse.

La realtà è che le liste che scrivono sono molto incomplete e molti contengono anche cose inesistenti o che si usavano 40 anni fa e non più in commercio.

Uno dei motivi è che NON conoscono i prodotti che loro stessi usano e nemmeno si aggiornano. Si basano spesso sui ricordi del loro periodo scolastico quindi chiedono cose della loro infanzia. Certo, molte di quelle cose ancora si usano anche se sono evolute e cambiate nel tempo, altre invece sono state sostituite.

Un altro motivo, più semplice, è che danno tutto per scontato, come se quello che chiedono sia in esemplare unico e universale.

So che questo che sto dicendo farà arrabbiare molti insegnanti, colpiti nell’orgoglio. Lo so perchè spesso ci ho provato a dirglielo ma non riescono ad accettare il non sapere e questo comportamento non migliora la loro immagine di certo. Questo non significa sminuire il  ruolo dell’insegnante né l’autorità, semplicemente è normale dovere aggiornarsi e restare al passo con il settore.  Tutto qui. Accettare questo sarebbe meglio per tutti.

fig. 1 – lista materiale

Nella fig. 1 qui sopra ho riportato una delle liste rilasciate dalle insegnanti di una scuola di un paese qui vicino a me e sembra a prima vista tutto nella norma. Cambia tutto quando gli occhi che leggono sono quelli di un addetto ai lavori che deve consegnare il materiale al cliente.

Voglio precisare una cosa: per me una lista non è un grande problema perchè sono in grado di decifrarla e consegnare il materiale esatto, so ormai cosa usano a scuola e cosa intendono le insegnanti. Quindi con due domande riesco a capire e chi si rivolge a me va tranquillo. Ma non tutti vengono qui, molti fanno la spesa nei supermercati per conto proprio o in altri negozi e non posso garantire per loro. Comunque mi ci vuole più tempo e di conseguenza perde più tempo il cliente.

Tornando a noi, qui sotto troverai la stessa lista con gli errori evidenziati:

fig. 2 – lista materiale con errori evidenziati

La prima cosa che si evince è che questa lista è unica per tutti le classi dell’insegnante, così ha fatto prima, infatti NON è indicata la classe .

Subito dopo, i quadernoni.

  • per quale classe?
  • oppure che tipo di quadretto?
  • o che tipo di riga?

Ogni classe ha il suo quadretto standard e la sua riga e ogni insegnante ha il suo quadretto preferito e la sua riga. Ho consegnato spesso quadretti di 1^ elementare a bambini di 5^ perchè la maestra preferisce così, e viceversa. Oppure riga di 3^ in 1^ elementare. E c’è un motivo se le righe e quadretti sono diversi che è quello di portare gradualmente il bambino a scrivere meglio usando una rigatura poco più evoluta in ogni classe. E infatti nessuno sa scrivere.

Avanti il prossimo, il temperino.

  • fai alzare i bambini per temperare? Allora semplice
  • non li fai alzare? Allora con contenitore
  • perchè non lo scrivi cosa vuoi?

Colori pastello.

Così vengono chiamate comunemente le matite colorate:

  • grandi o piccole?
  • quanti colori?
  • per quale classe?
  • ( cambia anche il tipo di temperino a seconda delle matite )

 

Come vedi ci sono un sacco di varianti e ignorarle significa avere poi accessori che non rispondono alle necessità dell’insegnante o comunque troppo diverse da ciò che ha in mente, costringendo i genitori a recarsi di nuovo in negozio a sostituire o fare un nuovo acquisto e gli insegnanti a ritardare i lavori programmati.

La precisione è importante ma tutti sembrano dimenticarsene soprattutto chi non dovrebbe.

Bene, se tu che hai letto questo articolo sei insegnante spero ti sia utile per cambiare abitudini e migliorare.

Se invece non sei insegnante ma un povero genitore alle prese con liste del genere e non sai dove metterti le mani, passa in negozio. In Via Petroselli, 3 – Loc. Valle Rotelle a Genazzano ( Roma ) oppure contattami

Posted on

Ho speso qualcosina meno ma ci ho rimesso

Oggi è venuto un mio cliente a comprare la carta per la stampante come fa tutti i mesi, e la prima prima cosa che mi ha detto è stata:

” avevi ragione tu, quella che ho preso l’altra volta costa meno ma ci ho rimesso di inchiostro e ottenuto pessimi risultati “

Faccio un passo indietro. L’altro mese ha voluto per forza un tipo di carta economica adatta a stampa di solo testo con inchiostro nero, quindi adatta a fatture, documenti semplici ecc.

Lui per lavoro ha bisogno di stampare anche immagini, foto, rilievi, dei vari impianti che monta e quella carta NON era adatta e l’ho avvisato.

Perchè l’ha voluta? Perchè non voleva spendere soldi in quanto sarebbe andato in ferie dopo pochi giorni ( si lo so che sembra un ragionamento sciocco, ma è quello che tutti fanno perchè pensano siano soldi fermi che invece possono mangiarsi in vacanza ).

Morale della favola, ha stampato documenti con foto che sono venute da schifo e consumato un sacco di inchiostro. Quindi stavolta ha preteso la carta giusta per l’uso e per i risultati di cui ha bisogno.

” costa un po’ di più ma recupero con il risultato “

 

E questo succede ogni giorno perchè regna sovrano il pensiero che la carta sia tutta uguale e lo so che anche tu lo pensi. Per questo scegli quella più economica ( attenzione anche quella economica NON è tutta uguale ).

Cosa devi fare per stare tranquillo

Per andare sul sicuro non affidarti a un negozio generico  e non andare a caso. Scegli sempre uno specialista.

Se sei a Genazzano o dintorni e non sai a chi rivolgerti, contattami:

oppure passa a trovarmi in negozio, in:

  • Via Petroselli, 3 – Loc. Valle Rotelle – Genazzano ( Roma )
Posted on

Perchè la cancelleria economica ti fa spendere di più

Risparmiare al massimo nell’immediato scegliendo solo cancelleria economica NON ti fa risparmiare, ma anzi ti fa spendere di più. E’ un concetto questo che ripeto spesso e sul quale è basata anche la mia attività.

Per quale motivo? Perchè è vero che comprando la cancelleria economica spendi meno subito ma è vero anche che spesso dura meno costringendoti a fare un nuovo acquisto più spesso. Ovviamente da questo discorso è escluso il materiale di consumo come fermagli o puntine, la confezione è quella finita la quale si deve ricomprare.

Ti faccio un esempio concreto così comprendi meglio ciò che voglio dire, usando l’immagine che segue:

 

 

Questa che vedi in foto è la mia spillatrice personale, quella che uso tutti i giorni nella mia attività. La uso molto e si vede anche, la vernice è consumata e si vede l’acciaio nudo. La uso ininterrottamente da ben 17 anni!

Ora, io ho clienti che vengono bestemmiando a comprarla perchè quella che hanno preso, magari dai cinesi, costa si poco ma gli è durata pochissimo e l’hanno dovuta buttare. Così hanno speso soldi inutilmente e non hanno risparmiato nulla, pur volendo risparmiare.

Quella che uso io costa parecchio, circa 35 euro, è vero, e non tutti sono disposti perchè preferiscono il risparmio immediato che è una trappola. Risparmio adesso per spendere domani e poi domani ancora e più volte nel tempo.

Tornando alla mia spillatrice ( che è una Zenith 548 ) in realtà quanto l’ho pagata in rapporto alla vita di lavoro attuale di 17 anni? E per quanto la userò ancora? Basta dividere il costo per il tempo. Il risultato è una bazzecola e ogni giorno che la utilizzo scende sempre di più.

Capito adesso perchè se punti solo a spendere poco, scegliendo una sottomarca o un prodotto di qualità scadente, nel momento in cui fai un acquisto in realtà hai già speso di più non solo in soldi ma anche come perdita di tempo, inefficenza lavorativa, stress.

La cancelleria è un investimento per l’azienda, come l’acquisto di un nuovo macchinario. Va calcolato allo stesso modo, in termini di tempo di utilizzo. Più svolge al meglio il proprio lavoro lungamente nel tempo e meno ti costa.

 

 

Posted on

Anche tu bruci i soldi della tua azienda come questo mio nuovo cliente?

 

Nella mia lista clienti ce n’è uno nuovo con un problema molto comune tra le aziende, e sicuramente lo hai affrontato anche tu.

In pratica è venuto a prendere una semplice spillatrice, e fin qui nessun problema, tutto nella norma. Ciò che non va bene è il fatto di aver già precedentemente comprato 3 spillatrici in pochi mesi.

Come tutte le aziende infatti sceglie la propria cancelleria solo in base al prezzo. E per 3 volte ha preso una fregatura spendendo un sacco di soldi. E fa così con tutto ( e anche gli altri fanno così con tutto ). Secondo te è un modo logico e intelligente di fare? Ovvio, non lo è affatto e non lo dico io ma i fatti.

Come ha risolto?
Smettendo di scegliere robaccia super economica e prendere quella in grado di lavorare duro, in grado di essere un collaboratore perfetto per molto tempo.
In questo modo risparmia anche molto soldi perché non deve ricomprare spesso gli accessori di cancelleria quindi nel tempo spende molto meno.

Anche tu hai questo problema e vuoi mettere fine?

Rivolgiti agli specialisti, contattaci subito o passa a trovarci in negozio.

In Via L. Petroselli, 3 – Località Valle Rotelle a Genazzano ( Roma )
tel. 069578670
e-mail: [email protected][email protected]

Posted on

Non vengo in cartoleria perchè non ho figli a scuola

[ Ma davvero la cartoleria è un negozio solo per bambini che vanno a scuola? ]

Abbiamo deciso di scrivere questo post dopo che, nell’ultima settimana, ben 2 clienti son venuto a vedere il nostro punto vendita.

Niente di strano dirai. Si infatti, la cosa strana è che entrambi hanno detto ” non fa per noi, non abbiamo bambini a scuola “. Non sono loro che pensano male, ma è proprio un’opinione comune per la auale la cartoleria sia solo scuola-bambini.

E il motivo è che negli anni tutte le cartolerie si sono impegnate al massimo per imporre questa idea. Riuscendoci bene.

Noi al contrario siamo la 1^ specializzata in cancelleria e ci rivolgiamo a un pubblico più adulto.
Offriamo un servizio il più professionale possibile e articoli che altri preferiscono non trattare.

Per questo stiamo diventando in fretta la cartoleria di riferimento per professionisti, universitari, e tutti coloro che ” vogliono di più “.

Anche tu cerchi un negozio simile e non vuoi accontentarti della solita cartoleria scolastica per bambini?

Passa nel nostro punto vendita e prova il nostro servizio esclusivo.