Posted on

Ecco perchè ti sembra di essere muto, cieco e sordo quando fai acquisti

descrizioni tenciche che non capisci
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Capita spesso nei negozi normali ma anche e soprattutto in quelli on-line ( e un po’ in tutti i settori succede ), di avere l’impressione di non capire la lingua usata dal negoziante.

Lui parla, parla e tu stai lì ad ascoltare fino alla fine la spiegazione di un prodotti finchè sei costretto a riformulare la domanda per sciogliere il tuo dubbio. Centinaia di parole che non hanno detto nulla.

Oppure quando sei su qualche sito internet e cerchi un prodotto che ti occorre, e leggi solo descrizioni con nomi strani che non significano nulla.

In entrambi i casi lasci perdere l’acquisto oppure scegli qualcosa che conosci bene anche se poi sai benissimo che non ti serve a nulla.

Tranquillo perchè NON sei tu il problema, non devi essere tu l’esperto e quindi non devi sapere tu cosa ti serve. Anche se per molti negozianti è così. Vogliono solo fare la fatica di metterti merce in busta, ma non funziona così.

La responsabilità di questo problema grosso è di chi sta in un negozio o gestisce un sito. E’ un loro dovere farsi capire e rendere più semplice possibile un concetto.

E’ quello che facciamo noi, cerchiamo di semplificare al massimo la descrizione dei prodotti concentrandoci sul’uso pratico di ognuno. Addirittura abbiamo ideato delle etichette ” parlanti ” che ti fanno capire in poche righe cosa stai comprando esattamente.

E’ l’unico modo che esiste per fare in modo di non farti buttare soldi inutilmente e soddisfarti al 100%.: parlare la tua lingua.

E’ come andare in un paese straniero e in un ristorante ti propongono un piatto e tu non sai di cosa parla. Accetti e ti portano le cavallette fritte. Che non mangi e passi i giorni a morire di fame perchè non sai come si dice ” pizza ” e hai paura che ti diano cose velenose.

No, chiunque si rivolge a noi sa perfettamente cosa compra ed esce dal negozio più esperto di noi.

 


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •