Posted on

Perchè i negozi rendono difficile fare acquisti

Quando abbiano una necessità o comunque bisogno di un prodotto specifico, cerchiamo sempre il negozio di riferimento, andiamo così a colpo sicuro per trovare ciò che ci occorre senza perdere tempo in giro. Senza fare sempre una caccia al tesoro, che non sempre è bella e divertente.

Però in Italia siamo costretti a farla.

Girovagando su internet, nei vari social, mi imbatto sempre più spesso in post che mi infastidiscono, tipo:

” vado in cartoleria a comprare le figurine “

va a prendere lo Skifidoll in cartoleria “

Questi sono tutti prodotti di un altro tipo di negozio: l’edicola.

La cartoleria NON è edicola.

I negozianti pensano di fare un favore ai clienti cercando di fargli trovare ogni genere di articoli e non si accorgono che invece ottengono proprio l’effetto contrario. Gli mischiano le idee e non sanno più che tipo di negozio sia quello né come può essergli utile.

I post che ho riportato sopra dimostrano che si hanno le idee confuse. Non esiste più un negozio di riferimento.

” Mi serve la marmitta nuova per la macchina, adesso provo in questo supermercato “

E’ un esempio assurdo ma che rispecchia il processo logico che avviene nella testa dei clienti. E quindi parte la caccia la tesoro famosa di cui ti parlavo prima, con relativa perdita di tempo e irritazione alle stelle.

Poi finalmente trovi un negozio che tra i 2 miliardi di prodotti diversi che vende, ha anche le marmitte ma per 1 solo modello di auto cioè quello più diffuso perchè mica può avere tutti i mila tipi esistenti, e tu che NOn hai una Panda te la prendi in saccoccia. E parti con il tuo campionario di insulti nelle 3 lingue meno conosciute.

Di questo esempio è ovvio che devi guardare il concetto che sta alla base, che è uguale per tutt ele attività ( quindi evita di dirmi che le marmitte non le vendono i supermercati, lo so da me ed è solo un esempio estremo ).

Anche le cartolerie non sono esenti. Se io ti chiedessi cosa è per te la cartoleria, dopo averci pensato un po’ ( e si, lo vedi che non ti viene immediatamente la rispposta? ) sono sicure che mi daresti queste risposte:

  • è un negozio dove fare la ricarica del telefono
  • ah, no, è dove si compra la roba di scuola dei bambini
  • o forse è un negozio di regali
  • mi sa che è anche dove vendono figurine
  • è il negozio di detersivi
  • vabbè, non lo so

Vero che hai pensato questo? E hai perfettamente ragione perchè è davvero ciò che oggi rappresenta la cartoleria.

Negli ultimi anni ha seguito l’esempio di tutti i negozi e le imprese italiane: proporre ogni sorta di prodotto e servizio. Il risultato di questo modo di gestire è un grandissimo disservizio per te ( e per tutti ), perchè sei costretto a cercare di indovinare dove trovare ciò che ti serve.

Quindi cosa vendono davvero?

Dato che tutto non possono avere perchè servirebbero decine di capannoni e soprattutto di milioni di euro, cosa fanno i negozianti? Fanno una scelta dei prodotti e quindi decidono di vendere SOLO quelli base e più comuni, quelli che trovi ovunque e ti servono MENO.

E infatti hai sempre la sensazione di non trovare mai nulla nei negozi ( anche tu hai pensato almeno una volta ” eh ma in questa cavolo di città non hanno niente “, non è vero? ).

Nella loro mente in questo modo riescono ad accontentare tutti con la sicurezza di vendere quei prodotti perchè apparentemente molto comuni e quindi richiesti. In realtà sono dei ” non-negozi “, non vendono nulla di utile.

In questo quadro cosa sei costretto a fare? Comprare on-line.

Per forza, se i negozianti normali non riescono a soddisfarti, insomma, a te sta roba serve.

Solo che poi :

  • i siti di e-commerce NON spiegano nulla di ciò che vendono, e vai a tentoni
  • provi a comprare una cosa sperando sia ciò che ti serve
  • ti tocca spettare il corriere
  • non ti trova,  e bestemmi
  • devi chiamare il call-center per vedere dove sta il pacco e chiedere una nuova consegna, e bestemmi in attesa al telefono perchè nessuno ha voglia di sistemare il tuo problema
  • finalmente ti consegnano
  • ti accorgi che NON è quello che pensavi ciò che hai comprato
  • ricominci il giro di bestemmie
  • contatti il sito per chiedere il reso
  • aspetti l’autorizzazione al reso
  • aspetti il corriere per il ritiro ( se trova l’indirizzo )

Uff, ammazza quanto è difficile e stressante fare acquisti. Ma non doveva essere rilassante lo shopping?

Come risolviamo noi

Tutti questi problemi possono facilmente essere evitati cercando di fare bene 1 cosa e dare così una identità precisa al negozio.

Ed è proprio quello che faccio con la mia attività ” Gli Specialisti della Cartoleria “. Un nuovo modo di intender ela cartoleria, passando dal voler fare tutto come le classiche cartoleria, al fare solo 1 cosa cioè specializzarmi in cancelleria, solo di questo settore.

  • non offro servizi come le cartolerie tradizionali
  • non è un negozio da bambini
  • non  vendo prodotti di altri settori

Cosa ne pensi?

 

Elio