Posted on

Se ti stai chiedendo come mai non abbiamo più molti prodotti e non offriamo più servizi come fanno tutti, leggi qui. Vuotiamo il sacco

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Come ben sai, se ci segui o sei nostro cliente da più di qualche anno, noi siamo nati come una normale cartoleria, uguale a centinaia di altre cartolerie, facendo le stesse cose, vendendo di tutto e offrendo tutti i servizi esistenti.

Vendevamo anche noi borse da donna, articoli da regalo, accessori per le feste e per la casa, oltre alla cartoleria e cancelleria ( cioè penne, quaderni, colori ).

Ci occupavamo di tutto, come fanno tutti, quasi ci fosse una regola non scritta che i negozi del genere debbano rispettare.

 Cosa è cambiato e perchè adesso abbiamo un negozio tutto nuovo e strano

Nel tempo ci siamo accorti che cercare di fare tutto creava un sacco di problemi e ostacoli a noi ma soprattutto a te come cliente. Non riuscivamo a seguire bene ogni cosa peccando di superficialità e imprecisione.

Continui ritardi, prodotti comunissimi e servizi base, sbagli, promesse non mantenute, perdite di tempo da parte tua e di tutti i clienti, difficoltà nell’acquistare ciò che serviva davvero e disservizi. Tutte cose all’ordine del giorno per un negozio, al quale ormai tutti siamo abituati ma che certamente non è una cosa normale e non dovrebbe diventarlo mai.

Tutte le cartolerie si accontentano di fare le cose in modo mediocre ma offrirti un pochino di tutto. Noi no. Non volevamo dare un servizio mediocre su tutto.

E l’unico modo era quello di concentrarci su 1 cosa sola e cercare di farla bene. Quella cosa è la cartoleria e la cancelleria per ufficio.

Per questo motivo abbiamo deciso di NON occuparci più di tutto, semplicemente NON riuscivamo a starci dietro e far le cose come si deve e come meriti.

Non è un caso se adesso stiamo risolvendo un problema che abbiamo creato mesi fa a una cliente, o meglio, creato da aziende a cui eravamo affiliati e se ne sono lavate le mani. Ma noi, presi dal seguire molte cose non eravamo in grado di concentrarci sul problema e abbiamo delegato.

Adesso invece possiamo dedicare la nostra attenzione su questo e risolvere in breve.

Che risultato abbiamo ottenuto

Da ciò ne è nato un negozio tutto nuovo, un negozio strano per te che sei abituato alla classica cartoleria, un negozio specializzato in cartoleria e cancelleria, soprattutto per l’ufficio, e più efficiente.

Vogliamo crescere e fare sempre meglio, ambiziosi come i nostri clienti. Per questo ci mettiamo molto più impegno.

 

 


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Posted on

Sei insegnante? Ecco come NON fare la lista del materiale scolastico

Ok non è proprio il mio campo ma visto che ho molti clienti privati che si affidano a me anche per il materiale scolastico ( che poi molta cancelleria da ufficio è la stessa che usano a scuola ), ho deciso di affrontare un problema molto diffuso: quello delle liste del materiale redatte dalle insegnanti.

Se anche tu sei insegnante leggi questo articolo perchè sicuramente fai questo errore, e non c’è bisogno di offendersi per ciò che leggerai ma anzi fanne tesoro per migliorare e facilitare il tuo lavoro quotidiano, già di per sé molto impegnativo. E anche per rendere le cose più facili ai ragazzi e ai loro genitori.

Ok, arrivo al punto cruciale.

Come ogni anno, a settembre, gli insegnanti rilasciano una lista con tutto il materiale occorrente per affrontare l’anno che ogni studente deve avere. In genere gli insegnanti sono molto esigenti ed esigono ciò che chiedono ( i genitori lo sanno bene ). Fin qui tutto normale, vogliono un certo accessorio e basta prenderlo.

Il problema è solo uno: gli insegnanti NON dicono quello che vogliono.

Nella loro testa sanno ciò che desiderano e che devono utilizzare nelle loro lezioni ma non riescono a fare uscire quei concetti da lì, rimangono molto sul generico per poi arrabbiarsi e minacciando note quando i ragazzi portano tutti cose diverse.

La realtà è che le liste che scrivono sono molto incomplete e molti contengono anche cose inesistenti o che si usavano 40 anni fa e non più in commercio.

Uno dei motivi è che NON conoscono i prodotti che loro stessi usano e nemmeno si aggiornano. Si basano spesso sui ricordi del loro periodo scolastico quindi chiedono cose della loro infanzia. Certo, molte di quelle cose ancora si usano anche se sono evolute e cambiate nel tempo, altre invece sono state sostituite.

Un altro motivo, più semplice, è che danno tutto per scontato, come se quello che chiedono sia in esemplare unico e universale.

So che questo che sto dicendo farà arrabbiare molti insegnanti, colpiti nell’orgoglio. Lo so perchè spesso ci ho provato a dirglielo ma non riescono ad accettare il non sapere e questo comportamento non migliora la loro immagine di certo. Questo non significa sminuire il  ruolo dell’insegnante né l’autorità, semplicemente è normale dovere aggiornarsi e restare al passo con il settore.  Tutto qui. Accettare questo sarebbe meglio per tutti.

fig. 1 – lista materiale

Nella fig. 1 qui sopra ho riportato una delle liste rilasciate dalle insegnanti di una scuola di un paese qui vicino a me e sembra a prima vista tutto nella norma. Cambia tutto quando gli occhi che leggono sono quelli di un addetto ai lavori che deve consegnare il materiale al cliente.

Voglio precisare una cosa: per me una lista non è un grande problema perchè sono in grado di decifrarla e consegnare il materiale esatto, so ormai cosa usano a scuola e cosa intendono le insegnanti. Quindi con due domande riesco a capire e chi si rivolge a me va tranquillo. Ma non tutti vengono qui, molti fanno la spesa nei supermercati per conto proprio o in altri negozi e non posso garantire per loro. Comunque mi ci vuole più tempo e di conseguenza perde più tempo il cliente.

Tornando a noi, qui sotto troverai la stessa lista con gli errori evidenziati:

fig. 2 – lista materiale con errori evidenziati

La prima cosa che si evince è che questa lista è unica per tutti le classi dell’insegnante, così ha fatto prima, infatti NON è indicata la classe .

Subito dopo, i quadernoni.

  • per quale classe?
  • oppure che tipo di quadretto?
  • o che tipo di riga?

Ogni classe ha il suo quadretto standard e la sua riga e ogni insegnante ha il suo quadretto preferito e la sua riga. Ho consegnato spesso quadretti di 1^ elementare a bambini di 5^ perchè la maestra preferisce così, e viceversa. Oppure riga di 3^ in 1^ elementare. E c’è un motivo se le righe e quadretti sono diversi che è quello di portare gradualmente il bambino a scrivere meglio usando una rigatura poco più evoluta in ogni classe. E infatti nessuno sa scrivere.

Avanti il prossimo, il temperino.

  • fai alzare i bambini per temperare? Allora semplice
  • non li fai alzare? Allora con contenitore
  • perchè non lo scrivi cosa vuoi?

Colori pastello.

Così vengono chiamate comunemente le matite colorate:

  • grandi o piccole?
  • quanti colori?
  • per quale classe?
  • ( cambia anche il tipo di temperino a seconda delle matite )

 

Come vedi ci sono un sacco di varianti e ignorarle significa avere poi accessori che non rispondono alle necessità dell’insegnante o comunque troppo diverse da ciò che ha in mente, costringendo i genitori a recarsi di nuovo in negozio a sostituire o fare un nuovo acquisto e gli insegnanti a ritardare i lavori programmati.

La precisione è importante ma tutti sembrano dimenticarsene soprattutto chi non dovrebbe.

Bene, se tu che hai letto questo articolo sei insegnante spero ti sia utile per cambiare abitudini e migliorare.

Se invece non sei insegnante ma un povero genitore alle prese con liste del genere e non sai dove metterti le mani, passa in negozio. In Via Petroselli, 3 – Loc. Valle Rotelle a Genazzano ( Roma ) oppure contattami

Posted on

Ho speso qualcosina meno ma ci ho rimesso

Oggi è venuto un mio cliente a comprare la carta per la stampante come fa tutti i mesi, e la prima prima cosa che mi ha detto è stata:

” avevi ragione tu, quella che ho preso l’altra volta costa meno ma ci ho rimesso di inchiostro e ottenuto pessimi risultati “

Faccio un passo indietro. L’altro mese ha voluto per forza un tipo di carta economica adatta a stampa di solo testo con inchiostro nero, quindi adatta a fatture, documenti semplici ecc.

Lui per lavoro ha bisogno di stampare anche immagini, foto, rilievi, dei vari impianti che monta e quella carta NON era adatta e l’ho avvisato.

Perchè l’ha voluta? Perchè non voleva spendere soldi in quanto sarebbe andato in ferie dopo pochi giorni ( si lo so che sembra un ragionamento sciocco, ma è quello che tutti fanno perchè pensano siano soldi fermi che invece possono mangiarsi in vacanza ).

Morale della favola, ha stampato documenti con foto che sono venute da schifo e consumato un sacco di inchiostro. Quindi stavolta ha preteso la carta giusta per l’uso e per i risultati di cui ha bisogno.

” costa un po’ di più ma recupero con il risultato “

 

E questo succede ogni giorno perchè regna sovrano il pensiero che la carta sia tutta uguale e lo so che anche tu lo pensi. Per questo scegli quella più economica ( attenzione anche quella economica NON è tutta uguale ).

Cosa devi fare per stare tranquillo

Per andare sul sicuro non affidarti a un negozio generico  e non andare a caso. Scegli sempre uno specialista.

Se sei a Genazzano o dintorni e non sai a chi rivolgerti, contattami:

oppure passa a trovarmi in negozio, in:

  • Via Petroselli, 3 – Loc. Valle Rotelle – Genazzano ( Roma )
Posted on

Perchè la cancelleria economica ti fa spendere di più

Risparmiare al massimo nell’immediato scegliendo solo cancelleria economica NON ti fa risparmiare, ma anzi ti fa spendere di più. E’ un concetto questo che ripeto spesso e sul quale è basata anche la mia attività.

Per quale motivo? Perchè è vero che comprando la cancelleria economica spendi meno subito ma è vero anche che spesso dura meno costringendoti a fare un nuovo acquisto più spesso. Ovviamente da questo discorso è escluso il materiale di consumo come fermagli o puntine, la confezione è quella finita la quale si deve ricomprare.

Ti faccio un esempio concreto così comprendi meglio ciò che voglio dire, usando l’immagine che segue:

 

 

Questa che vedi in foto è la mia spillatrice personale, quella che uso tutti i giorni nella mia attività. La uso molto e si vede anche, la vernice è consumata e si vede l’acciaio nudo. La uso ininterrottamente da ben 17 anni!

Ora, io ho clienti che vengono bestemmiando a comprarla perchè quella che hanno preso, magari dai cinesi, costa si poco ma gli è durata pochissimo e l’hanno dovuta buttare. Così hanno speso soldi inutilmente e non hanno risparmiato nulla, pur volendo risparmiare.

Quella che uso io costa parecchio, circa 35 euro, è vero, e non tutti sono disposti perchè preferiscono il risparmio immediato che è una trappola. Risparmio adesso per spendere domani e poi domani ancora e più volte nel tempo.

Tornando alla mia spillatrice ( che è una Zenith 548 ) in realtà quanto l’ho pagata in rapporto alla vita di lavoro attuale di 17 anni? E per quanto la userò ancora? Basta dividere il costo per il tempo. Il risultato è una bazzecola e ogni giorno che la utilizzo scende sempre di più.

Capito adesso perchè se punti solo a spendere poco, scegliendo una sottomarca o un prodotto di qualità scadente, nel momento in cui fai un acquisto in realtà hai già speso di più non solo in soldi ma anche come perdita di tempo, inefficenza lavorativa, stress.

La cancelleria è un investimento per l’azienda, come l’acquisto di un nuovo macchinario. Va calcolato allo stesso modo, in termini di tempo di utilizzo. Più svolge al meglio il proprio lavoro lungamente nel tempo e meno ti costa.

 

 

Posted on

Anche tu bruci i soldi della tua azienda come questo mio nuovo cliente?

 

Nella mia lista clienti ce n’è uno nuovo con un problema molto comune tra le aziende, e sicuramente lo hai affrontato anche tu.

In pratica è venuto a prendere una semplice spillatrice, e fin qui nessun problema, tutto nella norma. Ciò che non va bene è il fatto di aver già precedentemente comprato 3 spillatrici in pochi mesi.

Come tutte le aziende infatti sceglie la propria cancelleria solo in base al prezzo. E per 3 volte ha preso una fregatura spendendo in sacco di soldi. E fa così con tutto ( e anche gli altri fanno così con tutto ). Secondo te è un modo logico e intelligente di fare? Ovvio, non lo è affatto e non lo dico io ma i fatti.

Come ha risolto?
Smettendo di scegliere robaccia super economica e prendere quella in grado di lavorare duro, in grado di essere un collaboratore perfetto per molto tempo.
In questo modo risparmia anche molto soldi perché non deve ricomprare spesso gli accessori di cancelleria quindi nel tempo spende molto meno.

Anche tu hai questo problema e vuoi mettere fine?

Rivolgiti agli specialisti, contattaci subito o passa a trovarci in negozio.

In Via L. Petroselli, 3 – Località Valle Rotelle a Genazzano ( Roma )
tel. 069578670
e-mail: [email protected][email protected]

Posted on

Non vengo in cartoleria perchè non ho figli a scuola

[ Ma davvero la cartoleria è un negozio solo per bambini che vanno a scuola? ]

Abbiamo deciso di scrivere questo post dopo che, nell’ultima settimana, ben 2 clienti son venuto a vedere il nostro punto vendita.

Niente di strano dirai. Si infatti, la cosa strana è che entrambi hanno detto ” non fa per noi, non abbiamo bambini a scuola “. Non sono loro che pensano male, ma è proprio un’opinione comune per la auale la cartoleria sia solo scuola-bambini.

E il motivo è che negli anni tutte le cartolerie si sono impegnate al massimo per imporre questa idea. Riuscendoci bene.

Noi al contrario siamo la 1^ specializzata in cancelleria e ci rivolgiamo a un pubblico più adulto.
Offriamo un servizio il più professionale possibile e articoli che altri preferiscono non trattare.

Per questo stiamo diventando in fretta la cartoleria di riferimento per professionisti, universitari, e tutti coloro che ” vogliono di più “.

Anche tu cerchi un negozio simile e non vuoi accontentarti della solita cartoleria scolastica per bambini?

Passa nel nostro punto vendita e prova il nostro servizio esclusivo.

 

Posted on

Roba scadente? Non chiedere a me

 

Ogni tanto vengono clienti, soprattutto titolari di piccole aziende, che vogliono esclusivamente cancelleria super-economica. ” eh ma tanto per quello che devo farci…per quello che serve “

Se non devi farci nulla o pensi non serva , perché la cerchi? Lascia stare che è meglio piuttosto che spendere soldi solo per zozzeria.

Ecco, se anche tu pensi questo e cerchi solo roba molto scadente, allora NON rivolgerti a me, perché io NON mi occupo di queste cose.

I miei clienti lo sanno che seleziono accuratamente i miei prodotti scegliendoli tra quelli delle migliori aziende del settore.

Di conseguenza, nel caso di aziende, appaiono anch’esse migliori agli occhi dei loro clienti e risparmiano perché ciò che acquistano porta benefici e vantaggi nel tempo e nell’immagine aziendale.
La cancelleria scadente la puoi comprare ovunque, quella migliore, delle più grandi aziende, invece la compri solo da “Gli specialisti della cartoleria “.

Posted on

Quando il tuo timbro si trasforma nel killer della tua attività a causa del cattivo servizio offerto da chi te lo fa

Ringrazio i due clienti di oggi, venuti in cerca della stessa soluzione, perchè mi hanno dato lo spunto per parlare di questo problema.

Farsi fare un timbro per la propria attività è semplice, è un servizio che offrono in parecchi. Ognuno si affida ad aziende diverse, per cui sono diversi i sistemi di creazione, i prezzi , la forma ecc. L’uso è sempre lo stesso.

Una cosa cui NESSUNO si chiede, soprattutto rivenditori che ti creano il timbro, è: finito l’inchiostro cosa faccio?

E’ una domanda sciocca ma proprio perchè nessuno se la pone, si trasforma in un problema enorme. E nessuno si chiede ” e dopo? ” ,  perchè normalmente i timbri autoinchiostranti durano tantissimo tempo.

Per questo motivo NESSUNO si preoccupa di avere l’inchiostro di ricambio per quando lo finirai. E ti toccherà fare come questi miei due clienti, girare in lungo e in largo alla ricerca del cuscinetto di inchiostro di ricambio, finchè, demoralizzato, acquisterai un nuovo timbro.

Questo modo di fare è inaccettabile per noi, non è per nulla professionale. Dei timbri che facciamo noi, a marchio Colop, abbiamo anche i ricambi, perchè non è giusto che i nostri clienti debbano arrangiarsi.

Dei timbri che facciamo noi abbiano  i cuscinetti di ricambio e non devi preoccuparti del dopo.

 


 

Se ti sei trovato in una situazione simile o non vuoi trovartici o vuoi semplici informazioni, contattaci:

Posted on

Ecco perchè la cartoleria è come un imbianchino che si arrangia a fare tutto ( e come NON vogliamo essere )

Se tinteggi case per mestiere, allora sei anche muratore

In linea di massima si, chi sta nell’ambiente sa fare un po’ di tutto, si arrangia. I pittori lavorano spesso a stretto contatto con i muratori quindi imparano e moltissime volte dipingono case e fanno muri o pavimenti, come i muratori.

Il problema è che NON potrà mai fare bene uno dei due lavori o a volte NON farà bene nessuno dei due.

Se dipinge per lavoro sicuramente sarà in grado di farlo bene ( altrimenti forse non lo avrebbe nemmeno fatto ). Non farà mai altrettanto bene un pavimento o un muro, probabilmente saranno storti, con pendenze varie e quando vai a mettere i mobili, traballano oppure non ci andranno proprio.

Eppure entrambi si occupano dello stesso settore, sempre di case sempre di muri. Ma un muratore non è un pittore e viceversa, e non vuol dire nemmeno che lo sia pur facendo uno di questi lavori.

Perchè ti racconto questo?
Perchè è lo stesso pensiero applicato alla cartoleria.

Se un negozio vende cancelleria e articoli da cartoleria non è detto che sia una cartoleria come la intendi tu. Quindi fax, fotocopie, e-mail, borse, borsine, profumi, abbigliamento, casalinghi, ricambi auto – moto – camion.

E se anche lo fosse non è detto che sia in grado di fare tutto al meglio.

Noi per esempio vendiamo solo cancelleria e carta perchè NON siamo in grado di fare tutto ciò che fanno le normali cartoleria, in modo ottimale.

Se facciamo bene una cosa non riusciamo a fare bene tutto.

E noi vogliamo darti sempre il 100%, sempre il massimo, per cui facciamo solo quello che sappiamo fare meglio: occuparci di cancelleria.

Tra un servizio ampio ma che zoppica e ti fa bestemmiare e uno più ristretto ma fatto bene come dovrebbe essere fatto che ti lasci sempre col sorriso sulle labbra come chi si è tolto un gran peso dall’animo, scegliamo quest’ultimo.

Siamo Gli specialisti della cartoleria.
( e cancelleria ).

Tu cosa preferisci?

Posted on

Sceglieresti l’auto nuova usando lo stesso metodo che usi per scegliere la carta?

Beh no, sicuramente, la risposta è molto ovvia. Anzi è anche un’assurdità quella scritta nel titolo, sono due auto totalmente diverse anche se hanno alcuni punti in comune:

– servono per spostarsi entrambe
– si usano allo stesso modo entrambe
– con entrambe puoi trasportare persone

Hanno punti in comune ma sono completamente diverse tra loro, agli opposti proprio e di conseguenza sceglierai quale acquistare in base a varie considerazioni e non dicendo ” una vale l’altra tanto sono tutte uguali e prendo quella che costa meno “.

Ho semplificato al massimo il ragionamento per arrivare al concetto base.

Ti sembrerà strano eppure il modo con cui scegli l’auto DOVREBBE essere UGUALE al modo con cui scegli la carta per stampante.

Dico ” dovrebbe ” perchè nella realtà non è così, nessuno fa distinzioni perchè tutti pensano: ” una vale l’altra tanto sono tutte uguali e prendo quella che costa meno ” ( questa frase l’hai già letta vero? Esatto, qualche riga più su ).

Anche le varie carte per stampante hanno tutte dei punti in comune tra loro, come le auto:

– servono per stampare testi e immagini
– si usano allo stesso modo
– sono fatte dello stesso materiale

Quindi perchè dovresti scegliere quella che costa di più se sono uguali? Giusto, se fosse davvero così e purtroppo per te non lo è e nessuno te lo ha mai detto, facendoti sempre spendere male e lavorare male.

Impossibile paragonare una macchina costosa con una economica perchè sono 2 cose diverse, fatte in modo diverso, con un fine diverso, con un modo di spostarsi diverso ecc. Idem le varie carte per stampanti, una costosa di fascia alta è diversissima da una economica per lavorazione, caratteristiche, risultati ottenibili, tipo di stampa, ecc.

Impossibile stampare belle immagini a colori su una carta di fascia bassa e quindi molto economica. O meglio, se hai inchiostro da buttare puoi anche stamparle, poi le lasci asciugare come le foto di una volta e hai la tua immagine stampata senza dettagli, con inchiostro che si spande e traspare nella facciata dietro.

In generale le carte economiche sono buone SOLO per stampare testo in bianco/nero, e ci sono alcuni modelli che NON sono buoni nemmeno per questo perchè ciò che stampi  su una facciata passa  la carta e va a finire nell’altra. Inoltre modelli super-economici tendono a incepparsi moltissimo e possono distruggerti la stampante.

Ora non ti sto dicendo che devi sempre comprare quella che costa di più, no. Ti sto dicendo che devi diffidare da prezzi impossibili della carta e soprattutto devi valutare bene alcune voci, quali:

– ciò che devi stampare
– quante facciate devi stampare
– quante copie devi fare ( non tutte sopportano grandi volumi di stampa )
– che risultato vuoi / devi ottenere
– che tipo di stampante ( o fotocopiatrice ) usi
– quanto è sensibile la tua stampante ai fogli ( quindi tende a incepparsi )

Valutando bene queste cose ottieni un bel risparmio nel medio/ lungo periodo, che puoi aumentare usando carta dalla superficie più lavorata ( quella economica rilascia ” polvere ” che va a insinuarsi negli ingranaggi e richiede molta più manutenzione della macchina ).

Bene, ora che sai come scegliere in modo ottimale la carta giusta per te, non farmi più sentire la frase: ” dammi quella che viene meno perchè tanto è tutta uguale “.